Industria Politica

Termovalorizzatori, Salvini contro i ministri M5S

Termovalorizzatore
Il leader della Lega: “Li faremo”. Fico sale sulle barricate, Di Maio prova a mediare.
Web Hosting

Sugli inceneritori è sempre più scontro tra Lega e M5s. “Gli inceneritori li dovrebbero scegliere i sindaci e la regione ma tutti dicono di no. Quindi li faremo”, ha sentenziato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, durante la registrazione del programma ‘Nemo’ su Rai2. Replicando quindi al leader cinquestelle Luigi Di Maio. negli studi di Cinecittà a Roma, parafrasando ironicamente un’espressione di Luigi Di Maio. Che ha tentato di chiudere la polemica precisando: “A me dispiace che Salvini abbia deciso di lanciarsi in questa polemica e di creare tensioni nel governo. Sono dispiaciuto di questa polemica sugli inceneritori – ha aggiunto – perché si fonda su un tema che non essendo nel contratto di governo non si pone. Abbiamo un ministro dell’Ambiente che ha scoperto la Terra dei fuochi e conosce la Campania, quindi affidiamoci a lui. Lì ci vive la mia famiglia sono la persona più preoccupata”.

Ma per Salvini la polemica si chiude soltanto dando il via libera alla realizzazione d egli inceneritori.

“Devi fare delle strutture. Perché – si chiede – in Lombardia ci sono 13 impianti e in Campania uno? Il rapporto non può essere di tredici a uno”. E ancora: “Non c’è nel contratto? Vallo a spiegare ai bambini che fra due mesi respirano merda. Un’emergenza? Non lo dico io, ma quando il capo dei vigili mi dice che c’è il rischio di tornare alla situazione di 10 anni fa, devo fare qualcosa”.

Ma il presidente della Camera, Roberto Fico, non ci sta: “Ve lo assicuro, non si farà neanche un inceneritore in più ma molti più impianti di compostaggio per la frazione umida dei rifiuti solidi urbani, più differenziata e più impianti di trattamento meccanico manuale dove si ricicla il tutto”.

E sugli inceneritori anche il ministro per il Sud Barbara Lezzi ribadisce: “Non c’è nessun margine di trattativa. Non c’è assolutamente bisogno di nuovi termovalorizzatori”, dice il ministro Barbara Lezzi. “I termovalorizzatori sono il passato, non un investimento che guarda al futuro. Sui rifiuti si è fatta tantissima ricerca e noi dobbiamo partire da lì, da una visione virtuosa dell’ambiente che possa finalmente apportare del benessere alla salute dei cittadini”.

E il ministro Toninelli, pur con toni più concilianti, ribadisce: “Con la Lega dialoghiamo, ma siamo contrari” , ha detto durante la registrazione di “Petrolio”.

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting