Finanza

Spread: Cgia, oltre 300 punti, a rischio le imprese

Allarme della Cgia di Mestre: con lo spread sopra ai 300 punti, imprese italiane in forte sofferenza. Meno esposte invece le famiglie, ma nel medio lungo periodo a soffrire sarebbe l'intero sistema Italia
Web Hosting

Sono le imprese a rischiare di più con lo spread sopra a 300 punti. L’allarme è dell’Ufficio studi della Cgia, che in un certo senso ‘salva’ le famiglie, ma non troppo. I dati della Banca d’Italia mostrano come Bot e Cct/Btp in possesso delle famiglie siano pari a oggi a 300 miliardi di euro. Dicevamo che le famiglie sarebbero un po’ più al riparo rispetto alle aziende, ma alla fine a soffrire sarebbe “l’intero sistema Italia” se lo spread dovesse restare a lungo sopra a 300 punti.

Il costo del debito pubblico subirebbe un forte aggravio. Al netto delle banche, nell’economia reale, i più esposti in assoluto sarebbero gli imprenditori, costretti a pagare di più il denaro ricevuto in prestito dagli istituti di credito e, in prospettiva, con meno credito a disposizione perché le banche faranno più fatica a erogarlo. Più contenuto il numero di famiglie in sofferenza, ma nel medio periodo la stretta creditizia può far diminuire l’offerta di credito e, di conseguenza, anche la domanda.

Informazioni sull'autore

Alessandro Pignatelli

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting