Governo Migranti Unione europea

Salvini: non sbarca nessuno

Il ministro dell'Intero e vice premier, Matteo Salvini
Riproponiamo stralci dell’intervento di Salvini pubblicato ieri sul Nuovo Corriere Nazionale. "Col mio permesso non sbarca nessuno. Se vuole intervenire il presidente della Repubblica lo faccia, se vuole intervenire il presidente del Consiglio lo faccia. Chiunque faccia qualcosa che va al di là di quello che ho detto non lo fa col consenso del ministro dell’Interno e vice presidente del Consiglio”"
Web Hosting

Sulla questione migranti riproponiamo alcuni passaggi dell’intervento del ministro dell’Interno, Matteo Salvini, apparso ieri su queste colonne. Un intervento sul quale il Nuovo Corriere Nazionale ha ricevuto moltissime reazioni da parte dei lettori, sia favorevoli che contrari a quanto detto dal ministro.

 

“Faccio il ministro dell’Interno e sono stufo di vedere in giro per le nostre città decine di migliaia di finti profughi che non fanno niente dalla mattina alla sera e che costano gli italiani 5 miliardi di euro. Per questo ho fatto di tutto in questi due mesi e mezzo da che sono al governo (sembra una vita ma siamo qua solo da due mesi e mezzo), gli sbarchi si sono ridotti di 32mila da quando sono ministro e di 80mila rispetto all’anno scorso. Non mi basta. Le Ong (Organizzazioni non governative, ndr) hanno capito che è meglio che girino al largo. Hanno capito che in Italia non è più aria.  Quindi andate dove volete: in Spagna, in Francia, a Gibilterra, a Malta. In Italia non è più aria per i taxisti del mare. Ci sono alcune indagini in corso e chi vivrà vedrà. Ho le spalle larghe penso di avere il sostegno della stragrande maggioranza dei cittadini italiani. Dirò di più: anche della stragrande maggioranza degli immigrati regolari e perbene che sono in Italia e mi dicono ‘Savini chiudi, Salvini controlla, Salvini ci vogliono regole, rispetto, ordine, sicurezza e pulizia’.

Questo faccio, per questo sono pagato. Mi volete indagare, mi volete processare? Processatemi”.

 

“Ci sono a bordo di quella nave 29 bambini? Scendano. Faccio un passo oltre, nonostante l’Europa vigliacca zia zitta. Nonostante a Bruxelles dormano. Ci sono 29 bambini su quella nave? Possono scendere. L’Italia è un paese col cuore grande, dove le associazioni di volontariato – e fanno volontariato milioni di persone adorabili insostituibili – fanno un lavoro esemplare per assisterli. Però per i ventenni, trentenni, quarantenni belli, robusti e palestrati no. Basta, finito. I numeri di questo 2018 dicono che la maggioranza assoluta delle domande di asilo politico vengono respinte”.

 

“È bene ricordare i numeri: 700mila sbarcati in 4 anni, 160mila ospiti negli alberghi che costano 5 miliardi all’anno, 130mila domande di asilo politico arretrate da esaminare. Quei ricorsi e controricorsi che nella maggioranza assoluta dei casi sono bufale. Sono domande finte, sono profughi finti che non scappano da nessuna guerra. E allora taglio. Nel nome del buon senso e della giustizia e nel nome dei diritti di quei 5 milioni di italiani che vivono in povertà”.

 

“Ai fenomeni europei che mi fanno la morale, che fanno la morale agli italiani ricordo che avevano firmato che avrebbero accolto dall’Italia 35mila immigrati, 35 mila profughi. Invece ne hanno accolti solo un terzo, 12mila.

 

“Tornando agli sbarchi, col mio permesso non sbarca nessuno. Se vuole intervenire il presidente della Repubblica lo faccia, se vuole intervenire il presidente del Consiglio lo faccia.

Chiunque faccia qualcosa che va al di là di quello che ho detto non lo fa col consenso del ministro dell’Interno e vice presidente del Consiglio”.

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting