Politica Società

Rita Bernardini (Radicali): cannabis, passo avanti ma minimale

Rita Bernardini (radicali)
"Il proibizionismo è un regalo alla mafia". Il disegno di legge del senatore M5S Matteo Mantero mi sembra minimale rispetto al fenomeno ma è certamente positivo di fronte all’attuale quadro che vede un atteggiamento poliziesco di fronte ai consumatori di cannabis
Web Hosting

di Rita Bernardini*

 

Il disegno di legge del senatore M5S Matteo Mantero mi sembra minimale rispetto al fenomeno ma è certamente positivo di fronte all’attuale quadro che vede un atteggiamento poliziesco di fronte ai consumatori di cannabis. Ben vengano tutte le proposte di apertura rispetto all’ottusità del proibizionismo che c’è oggi. Una lotta antiproibizionista che nasce dai tempi di Marco Pannella e che continua ad andare avanti. Ne ho fatte decine di disobbedienze e tutte autodenunciate. Ma ora è arrivato il momento di iniziare a discutere una seria proposta di legalizzazione delle sostanze stupefacenti in genere. Oggi nel mondo sono sempre di più gli Stati che vogliono legalizzare le sostanze stupefacenti, il Canada ad esempio. Dobbiamo tenere presente che anche secondo la direzione nazionale antimafia occorre legalizzare la cannabis perché lo Stato non riesce ad affrontare un fenomeno diffuso tra 5 milioni di consumatori in Italia, che foraggia le mafie. È infatti l’affare più remunerativo che esista per la criminalità organizzata.

Il proibizionismo fa un regalo alla mafia. Noi non siamo per la liberalizzazione ma per la regolamentazione dell’uso della cannabis, ecco perché credo sia necessario discutere una seria proposta di legalizzazione.

 

*Coordinatrice presidenza Partito radicale

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting