Governo Politica Quirinale Unione europea

Il Cav: se cade il Governo ho già pronto il ‘Piano B’

Silvio Berlusconi
Berlusconi: Salvini premier? Questo si deciderà e a deciderlo sarà Mattarella. Non c’è oggi alcuna possibilità di raccordo tra noi e il Pd. Perderebbero metà dei voti loro e lo stesso accadrebbe a noi. In un eventuale governo di centrodestra io non avrò alcun ruolo. Starò in Europa
Web Hosting

di Silvio Berlusconi*

 

Una lista unica di centrodestra

 

Non credo che assolutamente che ci siano le condizioni per fare un partito unico del centrodestra. Credo che ci siano molte differenze tra quello che è Forza Italia e gli altri partiti del centrodestra. E poi sappiamo che queste fusioni non sono state mai seguite da dei successi.

Pertanto, non credo che la cosa interessi Salvini, come non interessa noi. E poi loro sono sovranisti, mentre noi vogliamo rafforzare l’Europa cambiandola.

Con tutto ciò, Consideriamo Salvini un protagonista, la Lega una protagonista del centro-destra.

 

Il centrodestra intanto governa molte regioni importanti e le governa bene. Governa molti comuni italiani e li governa bene. Ci stiamo presentando uniti con un unico programma, in Abruzzo e lo faremo anche in Sardegna. Sono sicuro che, come è successo fino ad ora visto che abbiamo vinto tutte le elezioni amministrative regionali dal 5 marzo in poi, vinceremo anche queste elezioni e arriveremo a maggio al voto per le europee con gli italiani avranno capito qual è la reale situazione italiana ed europea e il loro voto ci premierà.

 

La caduta del governo gialloverde e un nuovo governo

 

I miei parlamentari hanno registrato, nei dialoghi che hanno avuto con rappresentanti dei Cinquestelle, che molti di loro sono scontenti di ciò che sta accadendo. Sono scontenti di non contare nulla nelle decisioni, sono scontenti che queste decisioni vengano dall’altro è anche da fuori il partito. Quindi, non si può negarlo, c’è una una possibilità che potrebbe portare al governo del centrodestra senza la necessità di andare a nuove elezioni.

 

Il ruolo di Mattarella

 

Certamente il Capo dello Stato non vuole andare a nuove elezioni a poco più di un anno de quelle del 4 marzo 2018. Quindi, se in Parlamento si verificasse il formarsi di un gruppo che potrebbe spostare la maggioranza dall’attuale a un governo del centrodestra, credo che il presidente Mattarella sarebbe soddisfatto, rispeto alla prospettiva di un ritorno alle urne.

 

Salvini sarebbe il premier di un governo di centrodestra? Il ruolo di Berlusconi

 

Questo si deciderà e dovrà deciderlo presidente Mattarella. Nessun ruolo nel Governo, perché io sarei in Europa

 

È vero che Salvini ci ha preso voti, questo quello che sta succedendo adesso. Ma io credo che anche quello che lui ottiene andando in giro sia molto diverso da quello che trovavo e trovo ancora io: simpatia, entusiasmo, affetto, mai ma il fanatismo. Non è certo su questo che mi interessa di competere con lui, piuttosto voglio competere sui programmi, sulla coerenza dei comportamenti, sulle idee.

Spero che gli italiani, quelli che fanno parte di quella che definisco ‘L’altra Italia’, si accorgano di quello che sta succedendo con questo governo, con i provvedimenti di questo Esecutivo e con i contorni che l’attività del Governo assume. Come pure dell’inadeguatezza di molti ministri che compongono. Mi auguro che i cittadini italiani si ravvedano che si ravvedano e diano il loro voto in una direzione diversa, cioè a noi”.

Quanto al mio eventuale ruolo in un governo di centrodestra, non ne avrò. Io sarò in Europa.

 

Il patto del Nazareno

 

Non rimpiango quel patto, mi dispiace soltanto che il comportamento del Partito democratico in quell’occasione. Dovevamo essere insieme nel fare la nuova legge elettorale e una riforma della nostra costituzione, ma loro smentirono tutti gli accordi iniziali e quindi fu indispensabile non continuare con quella collaborazione.

Ritengo che oggi non ci sia nessuna possibilità di raccordo tra noi. Abbiamo provenienze assolutamente diverse e da un sondaggio ho potuto verificare che quello che pensavo era vero, cioè che il Partito democratico in unione con noi perderebbe metà dei suoi elettori, e lo stesso avverrebbe per i nostri elettori.

 

*Fondatore e presidente di Forza Italia, già presidente del Consiglio

 

 

 

 

*Si tratta delle risposte nelle interviste date da Berlusconi a Massimo Giannini a “Circo Massimo” su Radio Capital e a Giovanni Floris a “Di Martedì” su La7

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting