Governo Lavoro Sanità Servizi

Grillo: dopo 15 anni sbloccato il turn-over, assunzioni nella Sanità

La ministra alla Salute, Giulia Grillo
Il ministro: si torna ad assumere per rilanciare i servizi
Web Hosting

Ecco l’intervento della ministra della Salute, Giulia Grillo (“Non ci sarà una nu0va recessione”), pubblicato nell’edizione odierna del Nuovo Corriere Nazionale. Per leggere gratuitamente l’edizione digitale sfogliabile da pc, tablet e smartphone basta andare su https://www.nuovocorrierenazionale.com. Per andare direttamente all’edizione di oggi del giornale sfogliabile il link è: https://www.nuovocorrierenazionale.com/edizione-digitale

 

di Giulia Grillo*

 

La notizia riguarda il mondo della sanità e può essere riassunta con un numero, il numero è il 15.

Quindici anni esattamente sono passati dal 2004, l’anno in cui il governo Berlusconi decise il blocco delle assunzioni del personale sanitario. Un blocco che di fatto è stato rimaneggiato, in parte, ma è rimasto fino ad oggi.

 

Esattamente per 15 anni.

 

il voto positivo di giovedì scorso in Conferenza Stato Regioni all’emendamento normativo proposto per sbloccare le assunzioni è un passaggio importantissimo.

 

La proposta è frutto di un lavoro fatto con il ministero dell’Economia e delle Finanze, la Ragioneria, la Funzione pubblica e che durava da diversi mesi. Abbiamo trovato un punto di accordo e questo rappresenta uno degli obiettivi più importanti che ci eravamo prefissati.

 

Allo sblocco del turn over avevamo lavorato anche nella scorsa legislatura come parlamentari di opposizione, ma adesso che siamo al governo possiamo cambiare il nostro Paese.

 

Tutti i giorni sappiamo cosa significa avere dei servizi sanitari ridotti all’osso: capita a tutti di andare in un pronto soccorso, in qualsiasi struttura, o ambulatorio e capire quanto fosse necessario sbloccare le assunzioni.

 

Blocco che significava un sovraccarico di lavoro per tutti gli operatori che sono rimasti, e che ringrazio per l’impegno di ogni giorni per il nostro Servizio sanitario nazionale.

 

Blocco che significava per tutti i precari della sanità avere contratti a due mesi, tre mesi, contratti con partita iva, magari con sub contratti con cooperative.

Insomma, una giungla.

 

Il raggiungimento di questo risultato è storico.

Io credo che veramente sia una conquista importantissima che permetterà alle aziende sanitarie, alle aziende ospedaliere, ai direttori generali, alle Regioni di portare avanti, così come dice la Costituzione una sanità garantita a tutti.

 

Tutti noi che crediamo all’importanza della nostra sanità, una sanità pubblica, per tutti i cittadini da Nord a Sud, senza distinzione alcuna.

 

Ricordo sempre a chi ne fa solo una mera questione economica che non ci sono risorse sprecate, ma le risorse messe sulla nostra sanità sono un investimento per il futuro.

Perché investire sulla salute dei cittadini io credo che sia quanto di più intelligente, di prioritario debba fare un Paese che si ritiene civile.

 

*Ministra della Salute

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting