Calcio Sport

Fair Play Finanziario? Funziona ovuque meno che in Italia

Uno studio universitario dimostra i progressi nei principali campionati europei, mentre da noi restano i pericoli di bolla e doping finanziario
Web Hosting

Il Fair Play Finanziario funziona, permette di agevolare la sostenibilità finanziaria dei club europei ma non è la panacea di tutti i mali e ha bisogno di supporto continuo.
È questa la sostanza di uno studio condotto da Ariela Caglio e Donato Masciandaro, docenti all’Univeristà Bocconi di Milano, e da Gianmarco Ottaviano, del dipartimento di economia della London School of Economics e dell’Università di Bologna, presentato nella sede centrale dell’Uefa a Nyon alla presenza dei direttori finanziari dei principali club europei e anticipato dal settimanale Milano Finanza. Lo studio prende in esame i bilanci di 175 club che hanno partecipato ai 5 campionati maggiori in Europa (Germania, Inghilterra, Italia, Francia e Spagna) nel periodo compreso tra la stagione 2005-2006 e quella 2014-2015. Per testare la sostenibilità finanziaria dei club gli studiosi hanno utilizzato due indicatori, il rapporto tra debito e ‘cash flow’ e la differenza tra fatturato il costo del lavoro; adottando inoltre due assunzioni che introducono la variabile sportiva, quella di un rischio di bolla finanziaria nel sistema, ovvero se e come è cambiata la voce debito con l’ introduzione del fair play finanziario; quella del pericolo di doping finanziario, ovvero se esiste una correlazione tra successi sportivi e incremento del debito e se e come questo legame è stato modificato dal fair play finanziario.
Ebbene, in Inghilterra nel periodo che ha preceduto l’introduzione dell’Ffp è migliorata la solidità finanziaria del club, mentre dal 2011 in avanti la situazione di sostenibilità del sistema è di poco peggiorata. La Spagna invece ha tratto sicuramente giovamento dalle norme dell’Ffp, andando a scongiurare un pericolo di bolla finanziaria attraverso un complessivo risanamento dei conti dei club della Liga. Anche in Francia si è registrato un sensibile miglioramento per quanto riguarda il livello di indebitamento dei club, mentre in Germania è migliorato il tasso di indebitamento generale senza rischio di doping finanziario. E siamo all’Italia, la nota dolente: l’impatto dell’introduzione delle norme dell’Ffp nel nostro paese è stato irrilevante, gli stessi presupposti del pericolo di bolla finanziaria che erano presenti già nel 2011 sono presenti tuttora. Idem i segnali di doping finanziario.

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting