Sport

Cento milioni di motivi, anche la Formula 1 si dà alle scommesse

Sottoscritto da Ecclestone un accordo di sponsorship della durata di cinque anni con Igs: è l'apertura ufficiale al mondo del Betting. E infuriano le polemiche
Web Hosting

Prima o poi anche questo giorno doveva arrivare. Ci riferiamo al giorno in cui il mondo delle scommesse entra in quello della Formula 1 attraverso un accordo milionario: secondo il Financial Times il marchio Isg (Interregional Sports Group), realtà attiva nel campo del marketing sportivo che già vanta contratti con la Liga spagnola e la Serie A italiana, verserà nelle casse del Circus circa 100 milioni di euro in cinque anni per avere la possibilità di far scommettere in diretta sulle più importanti gare automobilistiche.
Si tratta di una svolta epocale: non solo scommesse durante i Gran Premi ma gli accordi Prevedono che Isg gestisca dati e diritti commerciali, al fine di selezionare nuovi partner tra le società che operano nel campo delle scommesse sportive. Previste infatti anche ‘grafiche a video con marchio regionalizzato, cartellonistica fisica e virtuale e integrazione digitale attraverso le piattaforme digitali e i social’.
‘Siamo lieti di collaborare con Isg, che ha dimostrato le sue straordinarie capacità globali collaborando con leghe del calibro della Serie A e della Liga – ha spiegato al Financial Times il direttore commerciale della F1 Sean Bratches -. Siamo inoltre estremamente entusiasti di lavorare con Isg e Sportradar per sfruttare al massimo i dati generati da ogni Gp. Sportradar è leader mondiale nella distribuzione di dati e condivide la nostra passione per fare della F1 un attore significativo in questo campo. Partnership di dati e sponsorizzazioni come questa sono pratiche comuni in quasi tutti gli sport premium e questo è l’ultimo passo nella nostra missione per rendere la F1 l’esperienza di intrattenimento sportivo leader a livello mondiale. Questo accordo ci consente di sviluppare nuovi ed entusiasmanti modi per i fan della F1 di tutto il mondo di rimanere coinvolti con il più grande spettacolo di corse del mondo, garantendone l’integrità con la supervisione di Sportradar’.
Quasi inutile dire che un accordo del genere sta provocando polemiche a non finire tra gli addetti ai lavori, specie considerando il fatto che per la bellezza di quarant’anni uno come Bernie Ecclestone è riuscito ad avere la Formula 1 lontano dal gioco d’azzardo e dalle scommesse. E c’è anche chi non ha mai toccato di rimarcare una certa dose di ipocrisia da parte dei vertici del Circus che poco tempo fa hanno impedito l’utilizzo delle ‘grid girls’, ovvero le ragazze nei box, togliendo – sostengono – lavoro a modelle maggiorenni la cui presenza nei Gp però andava contro la morale comune.21

Informazioni sull'autore

ncn

Sfoglia Gratis l’edizione di oggi:

ULTIMA EDIZIONE NCN

on-line tutti i giorni tranne il lunedì

manifesto


Web Hosting